fbpx
lorsoghiotto@gmail.com

Verdure fritte croccanti in pastella

L’orsetta Polly consiglia

Le verdure fritte croccanti in pastella sono un classico come antipasto, finger food e aperitivo. Ricetta e procedimento velocissimo e super super facile, l’unico segreto è la pastella. La mia non richiede le uova ma è semplicemente un mix di farina, birra, sale e pepe. Non vi preoccupate, orsetti golosi, vi svelo il segreto per ottenere una frittura perfetta, dorata, non unta e croccante come nei migliori locali. E’ fondamentale utilizzare una birra chiara freddissima e quando la versate sulla farina bisogna mescolare sempre nello stesso verso. Questo eviterà la formazione dei grumi o se ci dovessero essere si romperanno facilmente.Una volta preparata conservare in frigo per 10 minuti. Un altro segreto è quello di aggiungere il sale soltanto all’inizio insieme alla farina. Mai e ripeto mai cospargere i fritti con il sale dopo la cottura, questo rovinerà tutta la croccantezza.

Io ho usato diversi tipi di verdure, tra cui anche il cavolfiore che ho leggermente lessato prima. Voi utilizzate quelle che più vi piacciono.

Un ottimo risultato è che al morso il fritto faccia “crunch”! Servire e mangiare ben caldo.

Baci Georgiana

Procedimento di preparazione

  • si possono pastellare diversi tipi di verdure io ho scelto: cavolfiore, zucchine, melanzane e carote
  • per quanto riguarda il cavolfiore consiglio di sbollentarlo leggermente prima di pastellarlo e friggerlo
  • lasciarlo freddare

  • lavare e tagliare tutte le verdure
  • preparare la pastella per friggere è semplicissimo. Basta seguire alcune indicazioni
  • versare la farina in un ampio contenitore, aggiungere il sale e il pepe
  • versare la birra, che deve essere freddissima, mentre si mescola con una frusta. E’ fondamentale mescolare sempre nello stesso verso così non si formeranno i grumi e se ci sono si rompono facilmente
  • lasciar riposare la pastella in frigo per circa 10 minuti

  • ripassare nella pastella le verdure e scolarle per eliminare l’eccesso

  • friggerle, poche alla volta, in olio di semi. La temperatura ideale per un’ottima frittura è di 170 gradi. Potete controllarla con un termometro da cucina. L’importante è che sia ben caldo ma non troppo altrimenti si bruciano
  • una volta cotte e dorate scolarle su un piatto rivestito di carta assorbente
  • servire e mangiare ben calde
  • ps sconsiglio di aggiungere il sale a frittura ultimata perché farà ammorbidire la pastella e non sarà più croccante. Regolatevi con il sale all’inizio così da non doverlo più aggiungere

 L’orsetta Polly vi augura buon appetito! 🙂

Lascia un commento