fbpx
lorsoghiotto@gmail.com

Sei quello che mangi

15
Mag

Sei quello che mangi

Abbiamo sentito molto spesso questa frase e continuando nella lettura potrai scoprire che alcuni alimenti assomigliano agli organi del nostro corpo. In realtà i benefici che si possono trarre sono molteplici ed è essenziale approfittare di questo per prendersi cura del proprio corpo e della propria salute.

Image by Pera Detlic from Pixabay

Noci: il gheriglio delle noci non vi ricorda proprio il cervello umano ? addirittura con l’emisfero destro e l’emisfero sinistro. Al di là della somiglianza gli effetti benefici di questo frutto ricco di omega 3 sono fondamentali per stimolare la funzione cerebrale. Sono anche ricche di proteine vegetali e vitamine in particolare E. I grassi buoni (gli omega 3) contribuiscono ad abbassare il colesterolo e ci proteggono dalle infiammazioni.

Image by flockine from Pixabay

Carote: tagliare una carota trasversalmente vi fa ricordare un occhio. Le carote in effetti sono piene di vitamine anti ossidanti che riducono il rischio di degenerazione degli occhi e aiutano a ridurre il rischio di sviluppare la cataratta.

Image by PublicDomainPictures from Pixabay

Sedano: il lungo gambo del sedano ricorda le ossa del corpo umano ed è un alimento benefico per la resistenza ossea. E’ infatti ricco di silicio che fa parte della struttura molecolare che fornisce forza alle ossa. Se una dieta non contiene sodio ma il tuo corpo ti chiede di mantenere una buona salute( per le ossa), questo ortaggio può aiutarvi.

Image by Alexas_Fotos from Pixabay

Pomodori: se tagliate in due un pomodoro noterete dei piccoli fori che assomigliano alla struttura di un cuore come atri e ventricoli. Il caratteristico colore rosso contiene un anti ossidante che riduce il rischio di malattie cardiache. E’ ricco di potassio e ferro che possono ridurre il rischio di alcuni tumori.

Image by Robert-Owen-Wahl from Pixabay

Avocado: con la sua forma rigonfia e la presenza della cavità ovale al centro l’avocado sembra stranamente la silhouette di una donna incinta. I ginecologi raccomandano l’uso di questo frutto durante la gravidanza per mantenere una cervice sana ed è in grado di combattere gli squilibri ormonali. Una coincidenza particolare è che il frutto dell’avocado, per maturare, ha bisogno di 9 mesi (dal fiore al frutto).

Image by ExplorerBob from Pixabay

Funghi Champignon: la forma di uno champignon tagliato in due assomiglia all’orecchio umano. I funghi sono ricchissimi di vitamina D, per cui una carenza della stessa può causare problemi d’udito. Questa vitamina inoltre è importante per la salute delle ossa dell’orecchio fino alle più piccole che sono quelle che trasmettono il suono al cervello.

Image by Steve Buissinne from Pixabay

Uva: la struttura dei polmoni, con minuscoli ammassi di tessuto chiamato alveoli polmonari assomigliano proprio a foglie di vite permettendo all’ossigeno di passare dai polmoni al sangue. Una dieta ricca di frutta, come l’uva, potrebbe ridurre il rischio di cancro al polmone e di enfisema polmonare. I chicchi d’uva contengono anche una sostanza che si chiama proantocianidina che ha un’elevatissima azione anti ossidante. La loro funzione è quella di contrastare l’azione dei radicali liberi migliorando la circolazione e rafforzando le pareti dei vasi sanguinei.

Image by PublicDomainPictures from Pixabay

Fagioli: il fagiolo assomiglia proprio ad un rene e di conseguenza aiutano a mantenere la funzionalità renale ad un ritmo normale. Ricchi di vitamine, sali minerali e oligominerali, i fagioli essendo legumi, sono ricchi di lecitina, che favorisce l’emulsione del grassi riducendo di conseguenza il livello di colesterolo.

Image by marker_photography from Pixabay

Zenzero: le radici dello zenzero ricordano lo stomaco. E’ quindi interessante notare che uno dei suoi maggiori benefici è quello di facilitare la digestione. I cinesi lo hanno usato da oltre 2.000 anni per alleviare il dolore allo stomaco e la riduzione della nausea. Questa pianta è comunque un rimedio popolare per vari disturbi: rimuove le tossine dallo stomaco, favorisce la digestione e combatte la nausea e il vomito.

Image by Security from Pixabay

Banana: per concludere, sfrutta al massimo i benefici di questo frutto, che ha la forma di un sorriso perché contiene una proteina chiamata triptofano, che si trasforma in un neurotrasmettitore chimico, chiamato serotonina, associato alla fonte di gioia e benessere.

Photo credits Francesco Piacenti 🙂

Lascia un commento